cover_fa_la

Venerdì 15 marzo saremo a Fa’ la cosa giusta, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, con un laboratorio dedicato ai bambini a cura di Michela Miccio: “Riciclando con i suoni“. Sono settimane che i colleghi in ufficio sono allertati nel raccogliere i tappi delle bottiglie, le pinzatrici, scatoloni vari. Ci servono ancora i boccioni di plastica quelli che si usano per l’acqua in ufficio e i secchi da pittura bianchi (nelle foto).

Michela è la blogger di Carta e colori che Tania ha intervistato un po’ di tempo fa.

Devi buttarlo? Portacelo a Fa' la cosa giusta!Devi buttarlo? Portacelo a Fa’ la cosa giusta!

Amo l’arte in ogni sua forma e ho sempre cercato di viverla scoprendo le sue mille sfaccettature giorno dopo giorno. Ho studiato musicoterapia e oggi insegno musica alla materna, amo colorare e creare con material e povero di recupero e sono un architetto convinto che oggi sia più importante restaurare ciò che ci hanno lasciato i nostri antenati, che costruire ex novo. Da Chi sono.

Lasciate però che provi a farvi capire chi è Michy. L’ho sentita quasi tutti i giorni in queste ultime settimane e in tutte le telefonate aveva una valanga di idee da propormi per il laboratorio. Michela è una persona che viaggia almeno due settimane avanti al calendario in corso, che mobilita le scuole, le mamme e i bambini e li convolge con il suo entusiasmo. Un concentrato di energia e creatività. Più il numero dei bambini prenotati per il laboratorio si moltiplica più lei è felice. Non vedo l’ora che sia venerdì per essere all’opera con i bambini e realizzare con i materiali di recupero degli strumenti musicali da suonare.

Ma ecco cosa faremo precisamente nel laboratorio “Riciclando con i suoni” e questo è il suo invito: Fa’ la cosa giusta! Vieni a trovarmi?

L’idea è quella di far a scoprire le mille sonorità dei materiali, che hanno tutti i giorni a portata di mano, e stimolarli ad utilizzarli creativamente. Trasformeremo tappi, scatole, lattine… creando degli alternativi strumenti musicali, che dovranno sia avere un bell’aspetto che un bel suono. Dopo averli infatti decorati, i bambini verranno coinvolti in una performance sonora dove ognuno potrà sperimentare i suoni del suo oggetto sonoro.
Una vera e propria piccola orchestra del riciclo, che sonorizzerà una fiaba inventata ad hoc. Parole suoni, canti… per divertirci insieme e scoprire quanto possiamo ancora creare con ciò che pensiamo sia inutile.

Questo è l’elenco degli “ingredienti” necessari a partecipare al laboratorio che ha postato sul suo blog:

tanta FANTASIA

un mucchio di CREATIVITA’

un pizzico di CURIOSITA’

Questo invece è l’invito con tutte le informazioni necessarie e i dettagli. Non vedo l’ora che sia venerdì!

invito_Laboratorio_Econote

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *