sweden-779315_640

Auto ecologiche: come riconoscerle

Quali sono le auto ecologiche? Sono le vetture che hanno consumi ridotti e quindi inquinano di meno.

Questo significa

– INQUINAMENTO + GUADAGNO

Data la sempre più crescente esigenza di tutela dell’ambiente e di riduzione dei gas inquinanti, sono ormai tantissimi i marchi di automobili che hanno agito e hanno messo in produzione automobili che rispettano l’ambiente, consumando sempre di meno.

Attenzione ovviamente ai casi di Greenwashing. Sempre più frequenti, vedi appunto il caso Wolkswagen.

Le automobili

Alcune auto hanno insieme all’impostazione più ecologica anche il fatto che sono pensate proprio per chi intende fare attività all’aria aperta. Ad esempio la Opel Country Tourer, una vettura che ha il motore 1.6 Turbo ECOTEC® Direct Injection conforme alla normativa Euro 6. Molto interessante è capire quali siano i vantaggi di simili auto. Tra le caratteristiche più rispettose dell’ambiente, come si capisce anche andando sul sito www.shopricambiauto24.it, è il consumo di carburante tra i più ridotti della sua classe di cilindrata.

Il valore di emissioni di anidride carbonica di un’auto è legato al tipo di carburante impiegato e alla quantità consumata. Le nuove norme anti-inquinamento portano quindi le case produttrici di auto a investire costantemente per realizzare auto con un consumo di carburante ridotto ed emissioni di CO2 sempre più basso. 

Gli inquinanti tipici di un’auto sono il monossido di carbonio (CO), gli ossidi di azoto (NOx), gli idrocarburi incombusti (HC) e il particolato (PM). I parametri di questi inquinanti vengono regolati dalle normative internazionali che in Europa hanno il nome di Euro 5 e Euro 6.

Le previsioni

Noi di Econote consigliamo sempre di spostarsi con i mezzi pubblici o la bicicletta, ma in certi casi non è proprio possibile fare a meno dell’auto e allora può intervenire il Car Sharing, che è uno dei mezzi di condivisione che usiamo più spesso, anche per i nostri viaggi e gli Eventi di Econote.

E’ interessante anche leggere questi dati per capire meglio la portata del fenomero:

L’aumento delle emissioni globali di CO2 prodotte dalla combustione di combustibili fossili ha rallentato nel 2012, mentre il tasso di crescita globale medio annuo di 2,4 ppm della concentrazione atmosferica di CO2  nel 2012 rimane piuttosto alto. 

I produttori quindi saranno spinti a raggiungere sempre di più un migliore equilibrio fra prestazioni, bassi consumi e emissioni di C02. Entro il 2020 inoltre si prevede che l’Unione Europea abbasserà ulteriormente il livello di CO2 emesso per i costruttori di automobili, passando dagli attuali 130g/km a 95g/km.

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *