auto-green-600x450

Auto green sempre più amate dagli italiani

Chiunque abbia l’idea che gli italiani siano un popolo di inquinatori e di persone insensibili alle problematiche ambientali, abbandoni al più presto questo preconcetto!!! 

Secondo recentissime ricerche di mercato, infatti, in Italia sono sempre più numerosi coloro che hanno orientato le proprie abitudini ed il proprio stile di vita verso scelte ecosostenibili, a partire dalla mobilità.
Il settore delle auto ecologiche, in particolar modo, è quello in cui maggiormente gli italiani hanno dimostrato di investire, tanto che, a detta degli esperti del settore, nel 2020 le auto elettriche diverranno la vettura più acquistata, non solo dai più giovani. 

Ad onor del vero, la tendenza della maggior parte degli italiani all’acquisto di prodotti green, ed in particolare di autovetture ecologiche, si deve non solo alla volontà di agire nel rispetto dell’ambiente, ma anche al bisogno di dimostrare un particolare status symbol.

I prodotti ecosostenibili, infatti, sono generalmente più costosi di quelli classici, e il fatto di mostrarsi agli altri con un oggetto di questo tipo, non solo serve a mandare un messaggio della propria sensibilità relativa alle tematiche ambientali, ma anche per dimostrare in qualche modo la propria ricchezza.
Nonostante questo, però, il mercato delle auto elettriche non si è sviluppato come meriterebbe. La maggior parte della gente concorda sul fatto che ciò che lascia ancora titubanti nella scelta di un acquisto di questo tipo è principalmente la scarsa fruibilità della batteria che, al momento, non garantisce risultati soddisfacenti in merito all’autonomia. Nel corso dei prossimi anni, tuttavia, grazie anche a tutta una serie di incentivi che presto verranno stanziati, tale aspetto verrà sicuramente migliorato fino al raggiungimento di prestazioni in grado di eguagliare quelle delle auto tradizionali.
Ciò che, però, più di ogni altra cosa consentirà la diffusione delle auto ecologiche, siano esse elettriche, ibride o a metano, è senza dubbio il web. Il mercato automobilistico online, infatti, ha dimostrato, anche in questi anni di crisi economica, di riuscire ad ottenere risultati più che soddisfacenti; tali risultati sono stati possibili grazie a particolari portali di compravendita online dove chi cerca un’auto è sicuro di trovare alcune tra le migliori proposte del mercato.

Tra i siti in questione più conosciuti c’è sicuramente Autoscout24.it, dove è possibile individuare l’offerta più adatta alle proprie esigenze, semplicemente selezionando le proprie preferenze, scegliendo tra auto nuove o usate, e indicando il tipo di alimentazione prescelta.
Se, ad esempio, siamo interessati a cercare delle auto usate a Brescia, su questa pagina sarà possibile compilare il form apposito e si verrà automaticamente indirizzati alla categoria contenente tutte le diverse opportunità che corrispondono ai criteri di ricerca selezionati.
Il web, in aggiunta alla possibilità di far incontrare domanda e offerta, e di rendere, quindi, molto più facile l’esperienza dell’acquisto di un auto, offre molto di più; online, infatti, è possibile acquisire in maniera estremamente semplice e rapida tutte le informazioni di cui si ha bisogno, confrontando le varie opportunità, ed analizzando nello specifico vantaggi e svantaggi di quelle che sono le innovazioni del settore (ad esempio tramite recensioni, forum, siti di informazione specializzati).
Nel caso specifico delle auto ecologiche, infatti, il web costituisce a tutti gli effetti il canale preferenziale attraverso cui queste innovative autovetture potranno essere conosciute da un numero sempre più ampio di persone, e, conseguentemente, potranno divenire oggetto della scelta di moltissime famiglie.
Il luogo comune degli italiani insensibili ai problemi dell’ambiente, dunque, dovrà presto lasciare il posto ad un altro assunto, quello relativo, cioè, ad un’Italia sempre più green!


1 comment

  1. Pingback: Auto elettriche: quanto inquinano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *