9d6360f0276684abf50235473fcfe3e8_XL

Vota per il Lupo – la nuova campagna del WWF

Parte la nuova campagna del WWF a favore dei lupi. “Abbiamo fermato l’abbattimento del lupo: adesso è il momento di promuovere la vera convivenza” si legge sul sito dell’associazione

Per una convivenza possibile

È il momento di riconoscere il valore culturale, sociale, estetico ed economico dei grandi carnivori come simbolo per eccellenza della nostra biodiversità.

Chiediamo che istituzioni, enti ed allevatori si impegnino concretamente sulla strada della vera prevenzione dei danni e verso una coesistenza pacifica con le specie animali, che passa necessariamente attraverso la corretta informazione.

Chiediamo che vengano creati spazi adeguati per le specie ombrello, in cui possano sopravvivere senza essere oggetto di persecuzione, e in cui le persone stesse possano godere della bellezza selvaggia della natura e dei suoi servizi, ricordando che sul Pianeta tutto è connesso: la presenza di specie come il lupo può regolare a cascata l’equilibrio gli ecosistemi, contribuendo addirittura a contrastare il dissesto idrogeologico, e solo se sapremo riconoscere di essere noi stessi natura potremo vivere davvero in armonia con essa.

LEGGI ANCHE: I lupi migliorano l’ecosistema di Yellowstone

Il lupo: anima dell’Italia

Grazie al supporto di migliaia di persone, ci siamo opposti con forza a quella che sembrava una vera e propria campagna di abbattimenti legalizzati: twitter storm, raccolte di firme e osservazioni scientifiche, manifestazioni, e tante altre iniziative per dimostrare che gli abbattimenti non possono essere una risposta razionale per limitare i danni.
Abbiamo così ottenuto che il testo del Piano Lupo non fosse adottato nella forma iniziale, ma che venisse fortemente modificato prima della sua futura approvazione.
Abbiamo sostenuto il Progetto LIFE MedWolf, è attivato per raccogliere fondi con cui sostenere gli allevatori che si impegnano a mettere in campo i migliori metodi di prevenzione possibili, tra cui i cani da guardiania, contrastare il bracconaggio e l’uso di veleni grazie alle sue guardie e supportando i nuclei cinofili antiveleno dei Carabinieri-Forestali, favorire una corretta informazione sui media tradizionali e sui social media.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *