nissan 1

Una mattinata ecologica all’aeroporto di Fiumicino

Giovedì scorso noi di Econote.it eravamo all’aeroporto di Roma a Fiumicino per provare l’unica auto ammessa in un aeroscalo perché 100% elettrica.

Nel bel mezzo del Terminal 1 è impossibile non notare la bianchissima Nissan, Nissan Leaf per la precisione, che ci dicono essere la prima auto di massa 100% elettrica, quindi 100% ecologica.

Zero emissioni acustiche e chimiche, design accattivante, prestazioni simili ad una vettura di ultima generazione, la Nissan Leaf ci è piaciuta, e non solo perché così rispettosa dell’ambiente!

Il progetto, promosso da Nissan insieme a Enel e a Aeroporti di Roma, ha lo scopo di dimostrare come grazie al progresso della tecnica oggi sia possibile acquistare un’auto completamente elettrica ad un prezzo conforme a quello di una qualunque auto di simile aspetto e prestazioni, guidarla e ricaricarla comodamente a casa o in giro per la città con pochi e semplici gesti iniziando a distaccarci dalla dipendenza da benzina e quindi da petrolio e da gas, scarsi in natura e ormai insostenibilmente inquinanti.

Dopo aver parlato con Marina al box informazioni, che ci ha spiegato che l’Aeroporto di Fiumicino è l’unico al mondo ad avere esposta la Nissan Leaf, passati i controlli di rito siamo saliti a bordo della versione grigia e abbiamo fatto un giro fino all’imbarco C del Terminal 1, fra turisti curiosi e ragazzi stupiti di vedere un’auto in un luogo chiuso e pieno di gente. Marco, il nostro autista, ci ha mostrato come sia semplice ricaricare l’auto attraverso la box station, come sia intuitivo avviarla e manovrarla e di quanto sia eccitante guidare un mezzo che non emette rumore. L’autonomia è fino a 250 km, la velocità massima di 144 km/h con una capacità di ripresa da zero a 100 km in 11 secondi.

Personalmente ho dato anche una sbirciatina al motore e devo dire che soprattutto per una donna è bellissimo sapere che resterà sempre pulitissimo e che non scotterà mai!

Lo stesso vale per il carburante. Addio alle oleose e maleodoranti pompe di benzina: nel momento in cui acquisti la Nissan Leaf se si sceglie la formula in convenzione con Enel, il fornitore del servizio elettrico installa una box station nel tuo garage o nel giardino. Se non hai uno spazio esterno di proprietà sono sempre di più in città le cosiddette colonnine “veloci” in cui basta solo mezzora per ricaricare dell’80 per cento la batteria dell’auto. Con l’impianto domestico, invece, saranno necessarie 4/8 ore per “fare il pieno”.

Prima di salutare i nostri “Ciceroni” abbiamo prenotato un test drive nella nostra città e ci siamo fatti un giro nel Terminal: accanto alla Nissan Leaf c’è un tappeto cinetico e chi decide di passarci sopra contribuisce a regalare i propri passi ad una Onlus di Roma che li vedrà “tradotti in km “green”: Nissan li donerà in modo da fornire la struttura di una Leaf rendendo per un periodo ogni loro spostamento a impatto zero.

Interessante anche il video che va in loop su uno dei tanti ledwall dedicati all’iniziativa: racconta attraverso immagini futuristiche una città completamente “abitata” da auto elettriche, in cui ognuno ha la sua colonnina di elettricità e carica la propria auto prima di uscire di casa per andare in ufficio, accompagnare i bambini a scuola, in palestra, andare a fare la spesa e così via.

Ci ha fatto riflettere su come in un futuro neanche troppo lontano, anche grazie alla ricerca tecnologica di grandi aziende come la Nissan, potremmo davvero vivere una vita a zero emissioni acustiche e atmosferiche, in una città efficiente ma pulita, in completa armonia con la natura e quindi con noi stessi, senza rinunciare a nessun tipo di confort.

Vi consigliamo di passare a vederla: la Nissan Leaf sarà in aeroporto ancora per pochi giorni!

 

Buzzoole


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *