slow fashion

Slow fashion fai da te, il libro di Emmanuelle Vibert Terre di mezzo editore

Terre di mezzo editore propone un libro piccolo e colorato a firma di Emmanuelle Vibert dal titolo “Slow fashion fai da te” della collana Ecofficine.

Si tratta di 44 modelli originali e facili da realizzare per capi unici ma non scontati. Il libro è diviso in sezioni per individuare le basi da cui trarre spunto per realizzare da soli dei capi unici riciclando qualcosa che già abbiamo nell’armadio e che non utilizziamo, qualcosa che è passato di moda, oppure un capo che si è rotto in un punto ma da cui non vogliamo separarci. Le forme geometriche di riferimento per il fai da te nei vestiti sono: quadrato, rettangolo, triangolo. E da lì si parte per rivoluzionare i propri capi. 

Slow-Fashion_tiny

Grazie a Emmanuelle Vibert e i consigli di “Slow fashion fai da te” è possibile dare nuova vita ai tanti capi che non utilizziamo e che abbiamo nei cassetti. Con forbici, ago e cotone i vestiti iniziano una nuova vita e facendolo ci si diverte e si combatte un tipo di moda che invece è “fast” perché ci porta a comprare, comprare e utilizzare poche volte, il tempo di una nuova infornata di capi imperdibili a basso costo. L’impatto della fast fashion è sia sullo spreco che sulle condizioni di lavoro di tante persone.

Le istruzioni sono semplici e anche i meno esperti possono cimentarsi nel far diventare una gonna quella che era fino a poco prima una camicia, e così via.

Ci sono delle semplici illustrazioni che guidano passo passo alla scoperta della cultura del DIY (do it yourself, fare le cose da soli). Le foto mostrano il risultato di accostamenti di colori e trame diverse andando dai vestiti ai cappelli, dalle gonne alle tuniche.

L’autrice di Slow fashion fai da te è la giornalista parigina Emmanuelle Vibert, specializzata in consumo critico e stili di vita sostenibili. Una donna appassionata di moda che scova tesori nei negozi di abiti usati e li trasforma in fantastici modelli. Vi è venuta voglia di aprire gli armadi e da cosa iniziare?

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *